Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
SAGAS Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte, Spettacolo

Studi orientali

Presentazione

Il Dottorato di Studi Orientali prepara e forma studiosi in scienze orientalistiche (L-OR) che operano nella ricerca archeologica, filologica, storica e linguistica delle civilità dell'Oriente in una prospettiva sincronica e diacronica. Attraverso un corso di studi articolato in attività seminariali in sede, attività collegiali di laboratori e workshops, stages di formazione teorica e pratica all'estero (in particolare nei paesi vicino ed estremo-orientali, tramite accordi con università locali e con le sedi degli Istituti Italiani di Cultura), mira ad una formazione europea e internazionale dei dottorandi che possa tradursi in una professionalità di alta qualificazione spendibile nella ricerca, nella diplomazia e nei settori ed organismi nazionali ed internazionali che operano per la salvaguardia e tutela del patrimonio culturale.

Il dottorato di Studi Orientali prevede due curricula:

  1. Vicino Oriente: archeologia, filologia, letteratura, linguistica, storia. Il curriculum è destinato a ricerche sulle società del Vicino Oriente nel loro sviluppo e nei caratteri formativi generali e specifici e sui documenti e fonti relativi.
  2. Estremo Oriente: filologia, letteratura, linguistica e storia. Il curriculum è destinato a ricerche sulle società dell'Estremo Oriente nel loro sviluppo e nei caratteri formativi generali e specifici e sui documenti e fonti relativi.

 

Collegio di indirizzo

 

Dottorandi/dottorande di ricerca: profili e pubblicazioni


Appuntamenti dell’indirizzo di Studi orientali

  • Seminario per laureandi e dottorandi: Oralità e scrittura presso gli Ittiti. Si tiene tutti i lunedì ore 14-16 durante il periodo delle lezioni, a cura di F. Pecchioli Daddi e G. Torri. Il seminario affronta il problema della elaborazione dei testi scritti di carattere epico-mitologico e il loro rapporto stilistico e contenutistico con la letteratura orale, di cui forme metriche e formulari del testo scritto, ma anche riferimenti contenutistici a tradizioni extra-anatoliche, sono l’unica testimonianza.
Convegno Le vie del sacro 
ultimo aggiornamento: 22-Ott-2013
Unifi Home Page

Inizio pagina